Panismo

[Emilio Grasso ha da pochi giorni presentato il suo primo libro, Se io fossi acqua (Intermedia Edizioni), che alternando poesie a racconti, note a frasi, illustra i frutti del viaggio di formazione dell’autore.]

Se io fossi acqua, Emilio Grasso

Di giorno al dì o al meriggio
andare in campagna tra ‘l fruscio
il rimbombo lontano ffff – rur – scc
di foglie carezzate da vento
violento mentre ‘l contado s’appressa a
tagliar spezzare e raccogliere la legna
tac – tac – tic – toc in aperta
campagna ove
rumori si susseguono in comun fondo di suono
qual è vento che
nel riproporsi lascian discernere natura
da prodotti de li uomini
che stanno a spezzar con forbici zic – zac
tranquillo scorrer del tempo in giorno
di pieno lavoro mentr’io che miro non più me
in corpo comune ma percosso dal
vento osservo le mie membra
cader sotto colpi d’accetta e un dolore
mi preme e consola più del vento
che m’attraversa e mi porta a riveder
mia natura con occhi in solo spirto
quale è sicurezza che uomo non
distrugge ciò che lo circonda se non
per bisogno da natura alla vita

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...