«Urlo e non mi senti»: quando la poesia umanizza la disabilità

[Oggi vi proponiamo un articolo un po’ diverso dai soliti. Ma, tant’è, uguaglianza e diversità saranno i due temi al centro di queste righe. Ci è giunta notizia di un evento particolare, e in qualità di blog culturale non potevamo mettere a tacere l'”urlo” di rivincita sociale che il concorso di cui stiamo per parlarvi vuole esprimere attraverso la letteratura.]

Gabriel-Pacheco

Il Concorso Nazionale di poesia Urlo e non mi senti nasce due anni fa grazie alla sensibilità di Grazia Sposito (membro dell’associazione «Uniti per…» di Marcianise), e al suo amore per i versi.

Non un concorso come tutti gli altri, ma diverso, particolare, in cui i partecipanti dovevano essere spinti da qualcosa di forte. Dal bisogno di dare voce alla frustrazione, al disagio, ma anche alla straordinaria voglia di vivere di quelle persone che la nostra società fa sentire diverse, pur avendo un cuore con degli ingranaggi in tutto e per tutto uguali a quelli degli altri.

L’obiettivo di Urlo e non mi senti sta nel trasformare la poesia nel nuovo megafono del mondo della disabilità. Dopo il successo della prima edizione, nella quale sono state selezionate 35 poesie scritte dalla penna di autori campani e non (basti pensare che la prima classificata non era della regione), la seconda ha ottenuto la straordinaria partecipazione di 84 autori provenienti da Torino, Perugia, Bologna, Cagliari, Napoli. Poeti di sempre che coltivano da anni la loro passione, ma anche neofiti, membri di associazioni e strutture riabilitative: moltissimi gli amanti della poesia ad essersi messi in gioco, per dar finalmente sfogo a quell’urlo rinchiuso nella loro anima. Coinvolte per la prima volta anche le scuole del territorio, che hanno gareggiato in una sezione appositamente introdotta per loro.

La partecipazione è aperta a tutti. Il concorso prevede l’invio di una sola poesia a tema libero in lingua italiana, allegato alla scheda di partecipazione e ad un contributo simbolico di 5€. Per gli alunni delle scuole elementari e medie, la partecipazione è gratuita. Scadenza: 28 febbraio 2016.

Qui il link all’evento Facebook, corredato da regolamento e modulo di consenso. Qui, invece, il link alla pagina Facebook del concorso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...