2017: Faust nello spazio

Go è un gioco di strategia orientale simile alla dama o agli scacchi, il cui campionato mondiale si disputa online. L’attuale campione del mondo, Master P, ha vinto 51 partite su 52, pareggiando l’ultima a causa della disconnessione dell’avversario. È diventato un vero idolo, e lo è ancora di più da quando ha fatto coming out: Master P è una Intelligenza Artificiale (IA) elaborata da Google nell’ambito del progetto DeepMind. In questi giochi di strategia, le macchine vincono confrontando tutte le possibili mosse per calcolare quella migliore.

go-game-screen-shot-2016-03-08-at-8.17.43-pm-pst-100649230-large

L’uomo era stato sconfitto agli scacchi già nel 1997, quando DeepBlue sconfisse Kasparov,[14] ma questa strategia non è applicabile al Go, poiché il numero di mosse possibili è molto più alto di quelle già stratosferiche degli scacchi o della dama: il computer avrebbe semplicemente impiegato troppo tempo per calcolare tutte le mosse. Ma Master P è un’IA vera e propria, non un semplice computer. Master P, versione successiva di AlfaGo, ha imparato a giocare, trovando soluzioni proprie e nuove strategie, studiando le partite dei grandi giocatori del passato e giocando contro se stesso. Master P ha vinto non perché abbia fatto calcoli incredibili sulle mosse, ma perché è stato più creativo dell’avversario umano.[1]

Coscienza

Nonostante la pigrizia sia stata il motore della ricerca tecnologica, dalla ruota all’aratro la macchina è stata guidata da un essere vivente, quindi ne ha subito i limiti. Eliminare questi limiti è stato il passo successivo: non un congegno che si muove secondo la volontà di un essere vivente, bensì un congegno al quale sono state date delle istruzioni – un programma – che la macchina esegue. Ci riuscì Alan Turing quando accelerò la vittoria alleata della Seconda Guerra Mondiale creando il computer: lui inseriva i codici della macchina tedesca Enigma, il suo proto-computer li decifrava per tutta la notte, uno dopo l’altro, senza mai fermarsi o stancarsi o perdere la concentrazione.

Programmare una macchina significa insegnargli a fare qualcosa e a farlo per sempre, anche se l’essere umano dovesse estinguersi (a patto che continui ad essere alimentata, ovviamente). Gli industriali la chiamano catena di montaggio, i programmatori ciclo di while: inizia → fai qualcosa → se hai finito, inizia daccapo, altrimenti continua. Guardando i video di una qualsiasi industria moderna, si può vedere come le macchine, sempre allo stesso ritmo, sono in grado di montare degli oggetti prestabiliti partendo dalla materia grezza fino al prodotto finito.[2] La macchina è uno strumento che fa una cosa sola perfettamente, senza stancarsi, né annoiarsi. Non mangia, non beve, non va in bagno, non dorme, non sciopera: il sogno di qualunque industriale. Continua a leggere

Bologna: cosa ci racconta il caso della protesta dei tornelli alla biblioteca universitaria 36

proteste-unibo

di Valerio De Rosa | In questa sede è relativo stabilire se le ragioni del Collettivo Universitario Autonomo bolognese siano legittime, né se tali motivazioni legittime siano state o meno tradotte in azioni corrette ed efficaci. Né valutare se e quanto l’installazione di tornelli alla biblioteca Unibo di via Zamboni 36 possa fungere da deterrente verso accadimenti come la ragazza rinvenutavi in lacrime e sotto shock con i pantaloni macchiati di sperma o l’impiego di siringhe all’interno dei bagni della struttura.

Piuttosto, è interessante focalizzare l’attenzione sulle reazioni dell’opinione pubblica, soprattutto di quella direttamente interessata dalla questione.

Dell’increscioso episodio bolognese difatti non colpisce, o meglio, non stupisce più di tanto la violenza repressiva dei celerini né la valenza simbolica dello “scenario di guerra” (i libri, per definizione, sono antitetici ai manganelli), né tantomeno la derubricazione mediatica di quanto accaduto nell’ambito dell’oramai trita e ritrita dicotomia da trenino dei canali allnews “scontri” (o “tensioni”, con un approccio più soft) polizia vs antagonisti”, a cui di solito si aggiunge soltanto l’indicazione geografica del teatro dell’accaduto (dalla Valsusa a Niscemi, in Sicilia, che sia per il diritto allo studio, per quello alla salute ed al lavoro piuttosto che per opporsi all’edificazione dell’ecomostro di turno, secondo una strategia consolidata di comunicazione che rende lo scontro in sé “la notizia”, oscurando o comunque mettendo in secondo piano le ragioni, condivisibili o meno che siano, che sottendono le conflittualità sparse a vario titolo a macchia di leopardo sull’italico suolo).

Colpisce la reazione dei “non militanti”.

Colpiscono le oltre 7500 firme raccolte da una petizione online in cui si invitano studenti e studentesse a prendere apertamente ed in prima persona le distanze dalle azioni del Cua.

Colpisce l’attenzione nel giudizio dell’effetto, piuttosto che della causa.

In questo contesto, il sentimento diffuso di sfiducia generale nei confronti della possibilità concreta di avere voce in capitolo nel cambiare lo status quo, sfocia non più nel tradizionale disimpegno politico bensì in una presa di (in)coscienza stile #notinmyname alla rovescia: dalla dissociazione morale nei confronti dei soprusi perpetuati dai propri rappresentanti istituzionali si passa alla delegittimazione del concetto stesso di protesta in sé, o meglio della metempirica categoria dei “manifestanti”, percepiti come una specie di neocasta di “privilegiati” i quali possono permettersi, in un’accezione drammaticamente sempre più comune, il lusso di protestare piuttosto che rimboccarsi le maniche per migliorare autonomamente, secondo il principio “aiutati, che né Dio né chi per esso lo farà per te“, la propria condizione di vita e gettare le basi per realizzarsi. Qualsiasi altra forma di rivendicazione non solo non attecchisce più empaticamente, ma addirittura viene messa all’indice, dividendo ad esempio nel caso specifico gli studenti in cattivi (quelli che vengono all’Università per fare casino) e buoni (quelli che fanno mille sacrifici per permettersi di studiare e dunque vogliono solo concentrarsi su quello e sulla rimozione di ogni ostacolo frapposto dinanzi a sé nel compimento del proprio percorso accademico).

Il dissenso non è dunque più sanzionato solo dall’autorità ma subisce una sanzione sociale perpetuata proprio da quella classe di riferimento che rivendicazioni come quelle degli universitari autonomi bolognesi si propongono di intercettare, in un ambiente, quello studentesco, in cui sovente nel concetto classico di scontro di classe i ruoli si miscelano fin quasi a capovolgersi, fra figli di un ceto medio-alto che tendono a conservare la loro posizione potenziale di dirigenti del domani (ed anche a lagnarsi che gli venga a monte minata la strada per la scalata sociale) e figli di un ceto medio-basso non disposti a concedersi, in un percorso già alquanto in salita di suo, “distrazioni” quali la rivendicazione del diritto allo studio, di un lavoro adeguatamente salariato… precondizioni a cui chi proviene da un contesto socioeconomico fondato sulla precarietà ha già rinunciato a monte, concentrando dunque tutte le proprie energie sulla massimizzazione dei propri sforzi nei termini declinati dall’imperante ideologia della produttività: in ambito accademico, ricerca spasmodica del miglior risultato possibile in termini di punteggi agli esami e di conseguimento del maggior numero di certificazioni possibili volte ad un accesso quanto più agevolato possibile al mondo del lavoro. Di questo percorso ad ostacoli verso la propria realizzazione, i tornelli rappresentano la manifestazione fenomenica.

biblioteca-via-zamboni Continua a leggere

Galleria

Storie dalla provincia

“Storie dalla provincia” è quello che resta di un percorso lento. È quello che resta delle scarpe di tela distrutte, dei tramonti sulla provinciale, del silenzio di una processione.
È così che si vive in provincia: come avvolti da un feroce grembo materno, in un tempo sospeso e lentissimo, un tappeto di terra e polvere d’amianto, in un groviglio di strade piccole, di pietre e volti, scolpiti dal vento, bruciati dal sole.

Storie dalla provincia è silenzio, sguardi, racconti di vita vissuta tra le pietre dei borghi antichi dell’alto casertano, piccoli presepi muti, addormentati sotto il pezzo di cielo di una doppia periferia, tra Napoli e Roma.

Storie dalla provincia è un diario di viaggio, parla di resistenza, di forza, quella che trattiene le radici, che le attacca alla terra.
È l’istantanea di un sabato pomeriggio, tra le vie di Pietravairano, Benito e Anna, sul piccolo terrazzo di pietra, ascoltano il tempo, con gli occhi chiusi, sotto il glicine. Vivono lì da quando sono bambini, si sono sposati da 43 anni, il loro unico figlio è emigrato in Germania.
È il ritratto della signorina Silvana, coi lineamenti gentili e gli occhi vispi, che vive con i genitori anziani in una grande casa in campagna, non si è mai sposata. Guardando la carcassa di una vecchia 500 mi dice, timida, che non ha mai preso la patente.
È Pasquale, 27 anni, che mi racconta la sua storia seduto al tavolo della cucina, oltre le tende la piazza dell’antico borgo di Riardo; lavora saltuariamente come bracciante agricolo e dei suoi unici vicini, che s’abbracciano davanti all’obiettivo.
È la storia di Vittorio e Valentina che giocano a nascondino in un pomeriggio caldissimo di agosto.
È una signora col velo scuro, che intinge la punta delle dita nell’acquasantiera.

Storie dalla provincia è odore di asfalto, di pioggia estiva, di muschio, è odore di vecchi salotti, odore di chiese, di birra, è gli occhi scuri delle vecchie.

“Storie dalla provincia” è una poesia di Pavese che sa di terra, di sangue e di ritorni. È un fiume denso, come una vecchia sciarpa di lana scura caduta sul pavimento.
È il carro pesante di un santo, è gli uomini che lo portano a spalla, che si asciugano il sudore della fronte.
È la festa del paese, le tende rosse e bianche delle bancarelle.

“Storie dalla provincia” è il lungo racconto di istantanee che riempivano i miei occhi di bambina, è un esercizio di meraviglia, la stessa che provavo guardando i fuochi d’artificio squarciare la sera, accendere e spegnere il cielo.

[Testo e foto di Miriam Mercone]

#4dicembre: perché votare No al Referendum Costituzionale

referendum-costituzionale-696x311

[Disclaimer: Siamo un blog generalista, un blog culturale. Non abbiamo mai voluto occuparci di politica in senso stretto, per quanto noi della redazione e i nostri collaboratori condividiamo idee e valori che non possono non trasparire da alcune delle cose che scriviamo. Il referendum del 4 dicembre ci coinvolge nel profondo, in quanto cittadini e in quanto persone che, con tutti i limiti del caso, offrono su questo blog uno spazio di crescita e dibattito. Ne parlavamo tra noi, dal vivo, e volevamo farlo anche qui con voi. Così abbiamo chiesto a due nostri amici, sostenitori l’uno del sì, l’altro del no, di argomentare le proprie posizioni. Ne sono risultati due articoli di grande spessore intellettuale (questa la nostra personalissima opinione), che speriamo possano risultarvi interessanti. Perciò al primo articolo, sulle ragioni del sì, ne sta seguendo uno “speculare”, sul perché votare no. Buona lettura!]

di Gianluca di Agresti | Il 4 dicembre il popolo italiano sarà chiamato alle urne per la votazione di un referendum confermativo che concerne la revisione della seconda parte della Costituzione italiana. Prima di avventurarci nella disquisizione della materia oggetto del referendum occorre fare una premessa sulla natura della nostra Costituzione. Mi preme affermare con chiarezza che la Costituzione non è un corpo neutro, non di parte, frutto di un compromesso tra forze politiche elette dal popolo italiano. La Costituzione è il documento ufficiale della Repubblica italiana nata dalla Resistenza antifascista, espressione della migliore cultura comunista, socialista, liberale e cattolica che diede slancio al nostro paese dilaniato dalla seconda guerra mondiale. Con la nascita della Costituzione si afferma quindi l’idea della democrazia di massa costruita sui partiti politici. Una democrazia parlamentare dove il governo veniva legittimato dalla fiducia dei deputati e dei senatori eletti da tutti i cittadini. Al Parlamento spetta quindi la funzione legislativa, al Governo quella esecutiva, e alla Magistratura il rispetto delle leggi. Queste cose possono sembrare banali agli occhi dei ben informati ma è compito di chi fa militanza politica parlare alle persone con semplicità e cercare di rendere spiegabili argomenti complessi come quelli che stiamo trattando. Con buona pace di Eugenio Scalfari, che tende ad assimilare democrazia ed oligarchia, questi sono due oggetti teorici estremamente differenti. La democrazia è il governo del popolo, di quella parte meno possidente che esercita il potere, il kratos, anche in maniera violenta – per dirla alla Luciano Canfora. L’oligarchia è il governo dei pochi, quasi mai i migliori che sulla base di una migliore posizione sociale governano i molti che spesso coincidono con i meno abbienti costretti a subire misure anti-popolari. Quella odierna è una democrazia sempre più oligarchica, che ahimé con questa riforma costituzionale potrebbe sempre di più plasmarsi alle esigenze delle elites economiche, politiche e finanziarie a discapito del popolo, inteso come blocco sociale gramsciano. Continua a leggere

#4dicembre: perché votare Sì al Referendum Costituzionale

referendum-costituzionale-696x311

[Disclaimer: Siamo un blog generalista, un blog culturale. Non abbiamo mai voluto occuparci di politica in senso stretto, per quanto noi della redazione e i nostri collaboratori condividiamo idee e valori che non possono non trasparire da alcune delle cose che scriviamo. Il referendum del 4 dicembre ci coinvolge nel profondo, in quanto cittadini e in quanto persone che, con tutti i limiti del caso, offrono su questo blog uno spazio di crescita e dibattito. Ne parlavamo tra noi, dal vivo, e volevamo farlo anche qui con voi. Così abbiamo chiesto a due nostri amici, sostenitori l’uno del sì, l’altro del no, di argomentare le proprie posizioni. Ne sono risultati due articoli di grande spessore intellettuale (questa la nostra personalissima opinione), che speriamo possano risultarvi interessanti. Perciò a questo articolo, sulle ragioni del sì, seguirà il 30 novembre uno “speculare”, sul perché votare no. Buona lettura!]

di Giovanni Sposito | Dopo i passaggi più recenti di questo lungo ed estenuante percorso di campagna referendaria è forse comprensibile un po’ di scetticismo. A complicare il quadro saranno anche gli effetti della “democrazia del pubblico” descritti da Manin, secondo cui in un contesto di fisiologica metamorfosi il sistema rappresentativo non diverrebbe (o meglio, ridiventerebbe) altro che una faccenda di leader in rapporto diretto e immediato col cittadino-elettore. Ma se da un lato accettiamo i non pochissimi effetti positivi di una tale trasformazione, dall’altro non possiamo non renderci conto dell’inadeguatezza della deriva personalistica difronte alla complessità di una discussione che riguarda le regole del “gioco” istituzionale. Il Partito Democratico pare aver capito l’errore e prova a rimediare, trovandosi però disarmato rispetto ad un meccanismo difficile da disinnescare. È così che tutto si è trasformato in un giudizio definitivo e onnicomprensivo sulle politiche e sugli indirizzi del governo Renzi. Le due tifoserie sembrano aver occupato tutti gli spazi possibili e si finisce come quando durante la tempesta di un litigio non si ricordano nemmeno più le ragioni che si sono contrapposte. Proviamo così a fare un po’ di ordine.

Il testo della proposta di riforma sulla quale siamo chiamati ad esprimerci il prossimo 4 Dicembre riguarda principalmente il superamento del bicameralismo perfetto. La riforma costituzionale, pur risolvendo l’anomalia delle due Camere che svolgono le stesse funzioni, decide di non optare per il monocameralismo in favore dell’istituzione di un Senato delle autonomie, composto in prevalenza da consiglieri regionali e sindaci e privato del rapporto fiduciario con l’esecutivo. Così facendo si rafforza come non mai la partecipazione degli enti periferici alla definizione del quadro generale delle politiche pubbliche statali e comunitarie. E solo così si riuscirà a controbilanciare il necessario ripensamento in senso centralistico del vecchio meccanismo di ripartizione delle competenze. Inoltre, bisogna considerare che nessuna legge elettorale sarebbe in grado di garantire maggioranze omogenee in due Camere diverse. Con il mantenimento dello status quo risulterebbe gravemente compromessa l’aspirazione ad una “democrazia immediata”, che metta i cittadini in condizione di dare legittimazione diretta ad un Governo attraverso l’elezione dei parlamentari. In tempi di grandi coalizioni e astensioni a governi minoritari questa risposta risulta l’unica adeguata a risolvere l’attuale dialettica sistema-antisistema in uno schema che progressivamente ci riporterebbe al naturale confronto tra due proposte di governo, una di centrosinistra e l’altra di centrodestra.

Non era forse questa l’intenzione originaria del giovane e ambizioso progetto democratico? Non è forse questa la promessa tradita della stagione post-tangentopoli che ci lasciamo alle spalle?

Continua a leggere